Metamorfosi

by Congegno

/
1.
2.
3.
4.
01:36
5.
6.
02:00
7.
8.
9.

about

CONGEGNO – METAMORFOSI [2013] lyrics (english translations)

01. LOCKED DOORS (Porte blindate)

Even though the lights of this place are turned off I don’t want to sleep
I want to stay up and imagine a different place, a better place
As the world outside is too big and I can’t change it all
I can only bring some fresh air in these dark and narrow streets
Which swallow all those who can’t go away
Away from this country of closed minds, open your doors once in a while
Life won’t bite you scream your rage in our faces perhaps
We might just get on unlike a few years ago
When I would go back home always pissed off
And I would mentally kick people heads to vent screaming “will something come out?”
And I pulled and pulled as hard as I could I drew hasty conclusions
On those windows—damn gratings! But now is different now I’m stronger
I want to tear down these walls but it’s better if you open the doors
I want to go deeper now I expect confrontation with you


02. ETERNAL SLUMBER (Eterno letargo)

When you’ll understand that all your dreams have gone up the chimney
it will be too late
you will condemn those who did not listen to you
and then blame those who listened too much
you’ll rot away lost in your wishful thinking
and snap back to reality to find out you haven’t moved an inch
it must be depressing as well as unrewarding
to keep in your darkness your own blinding light
a great painting forever erased
the rain falling and sweeping away rivers of dreams
today’s falling on you
You’ll remember the days when you didn’t care about time
You’ll feel regret when facing a mirror
and see an old man, you slumbered through life and now, awakened
realize how little you accomplished
your best picture is “dullness”
Dullness


03. GLASS ANVILS (Incudini di vetro)

Walls of insurmountable pride towering around a fearful heart
a frail casket protecting your inner fears
you are just pretending and losing
respect that now you expect more than ever
you appear as indestructible, awe-inspiring statues
when in fact it’s so easy to destroy, humiliate and cut you down
high ideals traced on cheap wall paper
plaster the inner walls of your empty skulls
Whether you like it or not! you are exactly the same as your enemies
whether you like it or not! You are receptacles of shit rather than ideals
And I, I don’t belong to you, we are made of a different material
I! I’m just ME!! Don’t label me as similar to:


04. CAVIA (Cavie)

Thoughts that will never cross your mind drunk on a single ideal
drastically conditioning your actions
anestethized by a single reward which only serves to distract you from their errors
you’re a dog on a leash!
nurtured raised educated and then narcotized by television
to make sure you will never rise, never stand up
a barcode stamped on your head since you were born
to make you realize who you are..or what’s left!
your living room the factory, you the product
designed to do and say whatever they want
you are their golden goose, you are a succesful attempt of hypnosis
and here you are, in a state of unconscious hypnosis, still floating in it??
in this sea of people who cannot swim, still floating in it??
in this sea taking you wherever it wants, still floating in it?


05. A-SOCIAL NETWORK (A-Social Network)

Locked in our homes blissfully happy while positive feelings creep below storms of hate
This is how it goes…the fairy tale written for us is somewhat sick
To which we are becoming addicted and which will choke us
An eternal clash of gods fighting each other may the best one win but for now
Money are looking at us while laughing saying: “we are your God!”
They want us to play their game and we settle for it, we don’t care our lives are nothing more than a
reality show
It’s a continuous race of faces craving for fame, because what we are inside
Now matters less than a good picture on a social network
Nobody cares to know you for real what matters is being able to fake it
No! I won’t sit watching your showcase
I won’t stare at it because it makes me feel miserable...it’s miserable..too miserable!
Why is it that we cannot develop relationships anymore?
Why is it that we cannot develop relationships anymore?
Why is it so? What’s the fucking reason?
We are unable to maintain stable relationships we never had them! We never had them!
All friends but then..”who the fuck are you?”


06. EMPTY (Vuoto)

Nothing to cross out on the list of your wishes
You got what you wanted now your dream is only to dream
Now your dream is only to dream
A life spent snapping your finger and have your wish met but now
What you need is not on sale
The emotions you always sought have no price you can’t buy them
Lock your safe and open your heart to live them
You have everything you want save for that thing
and you’ll never have it! Never! Never! Never!
Neeeeeeeeeeever!
Only now you understand that money can’t buy everything but it’s late,
you’ll die alone choked by gold!




07. THE MOTHER OF NOTHING (La madre del niente)

In this seemingly endless hallway the lost souls roam unresting
Their dignity forever gone, human beings only in the looks
Because nothing is left of them even respect is a luxury
Confined in the womb of the mother of nothing confined in the womb
of those who decide what normality is.. What’s normality?
They will rot right here in these cages which belong in an horror movie
Amongst the obscenities which psychiatry elegantly calls cures
Their wailing will go unheard and when too insistent,
no problem, they’ll be sedated, forsaken in the deepest void
while outside the real madmen rule the world
Undeterred they take all the decisions and will choke the light from our minds
We are not mad !we are not mad! we are not mad! Yet we shall die…
Confined in the womb which destroys those who do not adapt
to what our society expects


08. SOONER OR LATER (Prima o poi)

we shall hit the bottom, and there will be trouble
you too, sooner or later, you on the upper floors, will fall amongst us
there will be neither winners nor losers
only instict-driven beast, making their way
over everything and everyone,
we shall settle the deal
not by paper or virtual money
but the real deal!
we shall taste the meat of both comrades and foes
tear from our brains your sickening roots
and (finally) rise from our own ashes/ruins
we shall surface burned out, yet stronger than ever
you bought us you used us, and what’s left is a horde of (infuriated) dogs
Yes! A new world will be born where your yours ends
no masters no slaves only forever-free men
But its the same old story, these words are for nought
its the same old story, rise! change the present we ought!


09. SLAVES OF TIME (Schiavi del tempo)

Unknowing slaves of the time as it flows through us
To remind us we are getting old, to make us forget who we are deep down
People too busy
So many instants wasted in thinking it would have been great to live them
Instead of this endless wait for a second of life that I won’t even live
Irritating how slow can time flow when you wish it all would end in a moment
Irritating how fast can time flow when you wish that moment to last a lifetime
Slave to the clock we created which slows down and accelerate at the wrong time
Slave to the day which goes on forever to a day which isn’t mine anymore
I’m looking at it, I’m wasting it. No more!
This ticking is breaking my mind let’s stop the minute-hands let’s start the party
Turn off the time crushing us let’s go out and squeeze every drop out of life

credits

released March 13, 2013

tags

license

all rights reserved

about

Rancore Records Milan, Italy

contact / help

Contact Rancore Records

Streaming and
Download help

Track Name: Porte Blindate
Nonostante le luci di questo paese si siano già spente non voglio dormire
Voglio rimanere sveglio a fantasticare su un paese diverso su un paese migliore
Tanto il mondo la fuori è infinito ed io non lo posso di certo cambiare
Posso soltanto limitarmi a portare un po’ d’aria nuova tra queste buie e minuscole strade
Che da sempre ingoiano tutta la gente che non riesce ad uscire di qua
Da questo paese dalle menti blindate spalancate le porte una volta tanto
la vita non vi ucciderà gridateci in faccia la vostra rabbia chissà
magari andremo d’accordo non come qualche anno fa
quando ritornavo a casa incazzato e mi sfogavo giocando a pallone
con le teste della gente gridando “fanculo non né uscirà niente!”
e tiravo e tiravo e tiravo conclusioni affrettate
sulle vostre finestre sulle vostre inferriate ma ora è diverso ora sono più forte
posso distruggere queste pareti ma è meglio.. che apriate le porte!
Ora voglio andarci più a fondo ora pretendo un confronto.
Track Name: Eterno Letargo
Quando capirai che ogni tuo sogno è finito nel vento
sarà tardi ormai avrai sprecato inutilmente il tuo tempo
incolperai chi non ti ha mai dato ascolto
ma poi condannerai chi invece te ne ha dato pure troppo
marcirai aspettando un treno dei desideri
ti risveglierai l’indomani alla stessa fermata di ieri
deve essere assai deprimente nonché poco gratificante
avere una luce abbagliante e ridursi a tenerla nel buio con se
un gigantesco dipinto cancellato per sempre
la pioggia che scende sui giorni portando via fiumi di sogni
oggi cadrà su te...
Commemorerai gli anni in cui te ne fottevi del tempo
Li rimpiangerai quando ti guarderai allo specchio
e vedrai solo un vecchio hai vissuto in letargo e ora al tuo risveglio
rimpiangi di non aver fatto di meglio il tuo quadro migliore è
“L’impassibilità” l'impassibilità.
Track Name: Incudini di Vetro
Invalicabili mura d’orgoglio si innalzano attorno a un impavido cuore
Che in realtà è solo un fragile scrigno che racchiude le vostre paure
State solo fingendo state solo perdendo
la stima che ora pretendete più di ogni altra volta
Agli occhi apparite come indistruttibili statue imponenti
Ma poi è facile disintegrarvi, umiliarvi, tagliarvi a metà!
Ideali disegnati su carta da parati
rivestono le pareti dei vostri crani vuoti
Che vi piaccia o no! Siete tali e quali ai vostri rivali
Che piaccia o no! Siete conservatori di merda più che di ideali
Ed io, io non vi appartengo non siamo della stessa pasta
Io! Sono io e basta! Non etichettatemi mai come "simile a:"
Track Name: Cavie
Ragionamenti che mai sfioreranno la tua mente inebriata da un solo ideale
Influenzano drasticamente il tuo modo di fare
anestetizzato da una ricompensa che serve soltanto a distrarti da ogni loro sbaglio
sei un cane al guinzaglio!
Cullato cresciuto educato e poi narcotizzato dalla televisione
Per garantire che non ti alzerai mai da lì che non farai opposizione
Da quando sei nato c’è un codice a barre marchiato sulla tua testa
Serve a ricordarti chi sei.. quel che ne resta!
il tuo salotto è la fabbrica e tu sei il prodotto
Progettato per dire e per fare solo quello che vogliono loro
Sei una gallinella dalle uova d’oro sei un tentativo d’ipnosi riuscito
Ed eccoti qui in inconsapevole stato d’ipnosi
Ancora ci galleggi!?
Ed eccoti qui in inconsapevole stato d’ipnosi
Ancora ci galleggi!?
In questo mare di gente che non sa nuotare
Ancora ci galleggi!?
In questo mare che ti poAncora ci galleggi!?
Track Name: A-Social Network
Chiusi nelle nostre case tutti felici e contenti strisciano i bei sentimenti sotto tempeste d’odio
È così che va.. Nella monotona fiaba scritta apposta per noi
c’è qualcosa d’insano che ci sta assuefacendo e ci soffocherà
È un eterno scontro tra dei che combattono uno contro l’altro che vinca il migliore
e intanto i soldi ci guardano e ridono mentre ci dicono “sono il tuo dio!”
ci offrono il loro gioco noi lo stiamo accettando noi ci importa se la nostra vita ora è un reality show
È un eterno confronto tra volti assetati di notorietà perché ciò che si ha dentro
ormai conta meno di una bella foto su un social network
a nessuno interessa chi sei veramente l’importante è essere bravi a fingere
No! Io non starò li seduto a guardare la vostra vetrina
io non starò lì impalato a fissarla perché sa di squallido.. sa di squallido.. troppo squallido!
domandiamoci perché non siamo più capaci di sostenere rapporti
domandiamoci perché non siamo più capaci di sostenere rapporti
domandiamoci perché non siamo più capaci… domandiamoci per quale fottutissimo motivo
non siamo in grado di sostenere rapporti stabili non li abbiamo avuti! Non li abbiamo avuti!
Tutti amici ma poi.. “chi cazzo sei?!”
Track Name: Vuoto
Nell’elenco dei tuoi desideri non è rimasto più niente di niente
hai ottenuto quello che volevi e adesso il tuo sogno è soltanto sognare
adesso il tuo sogno è soltanto sognare
una vita passata a schioccare le dita per ottenere ogni cosa ma ora
quello di cui hai bisogno non è in vendita
le emozioni che cerchi da sempre non hanno prezzo non le puoi comprare
chiudi la tua cassaforte ed apri il tuo cuore solo così le vivrai
hai tutto quello che vuoi tranne quel misero niente che ancora ti manca
e che non avrai mai mai! Mai! Mai! Mai!
Hai tutto quello che vuoi tranne quel misero niente che ancora ti manca
e che non avrai mai mai! Mai! Mai! Mai! Mai!!!!!!!
Soltanto adesso hai capito che con il denaro non si può comprare ogni cosa
ma è tardi morirai triste e solo soffocato dall’oro.
Track Name: La Madre del Niente
Lungo questo corridoio che sembra infinito non trovano pace le anime perse
Qui la loro dignità se ne va via per sempre esseri umani solo nell’aspetto
Perché non rimane più niente di loro persino il rispetto ormai è una sontuosità
internati nel ventre della madre del niente internati nel ventre
di chi può decidere cos’è la normalità cos’è la normalità
marciranno qua in queste gabbie degne di un film dell’orrore
tra le oscenità che con eleganza la psichiatria chiama cure
i loro lamenti non verranno ascoltati e se troppo insistenti
non c’è problema verranno sedati abbandonati nel buio più profondo
mentre là fuori i veri pazzi governano il mondo
indisturbati prendono ogni decisione soffocheranno il lume della nostra ragione
non siamo pazzi! non siamo pazzi! non siamo pazzi! Ma moriremo..
internati nel ventre che distrugge la gente che non sembra disporre
dei requisiti pretesi dalla società.
Track Name: Prima o Poi...
Prima o poi toccheremo il fondo e allora si che saranno guai
prima o poi anche voi, voi dei piani alti scenderete tra noi
non ci saranno più né vincitori né vinti
solo bestie in preda ai propri istinti che non esiteranno a farsi spazio
tra qualsiasi cosa tra “chiunque cosa” arriverà l’ora della resa dei conti
non ci saranno i soldi di carta nemmeno i soldi virtuali
sarà una resa dei conti.. dei conti reali!
assaggeremo la carne dei nostri compagni e dei nostri nemici
strapperemo dai nostri cervelli le vostre ingorde radici
risorgeremo dalle nostre macerie
ne usciremo stremati ma ritorneremo più forti di prima
siamo stati comprati siamo stati sfruttati e ora ciò che resta è un pianeta
di cani arrabbiati si! Daremo inizio al nuovo mondo là dove finirà la vostra storia
niente più schiavi niente più padroni soltanto uomini per sempre liberi
ma è la solita storia che dura da sempre tutte queste parole non servono a niente
è la solita storia che dura da sempre alziamoci adesso e cambiamo il presente.